Archivio eventi

archivio eventi

Museo della musica su Tripadvisor 

concerti settembre-dicembre 2006



sabato 16 dicembre 2006
Sala eventi
MAES 06

Un viaggio sonoro tra oriente e occidente

Musiche medievali e non dall'antico mediterraneo
a cura di MAES - Mediae Aetatis Sodalicium

Il progetto musicale che il gruppo musicale Galere di Fiandra e di Siria hanno via via ideato, costruito e suonato (e culminato nel 2006 con la produzione del CD Rotte musicali) è un viaggio marittimo musicale, seguendo le rotte delle antiche navi mercantili, attraverso culture, tempi e luoghi del Mediterraneo e dell’Europa: canzoni di mare e di costa tra gighe e ballate ‘celtiche’, saltarelli e tarantelle del Sud Italia, ritmi balcanici slavi e klezmer, melodie arabo-andaluse, siriane, turche, sefardite e greco-rebetiche.
Un viaggio che unisce tradizioni musicali con uno sguardo etnico-popolare, ma anche le contamina con suoni contemporanei e arrangiamenti originali. Così il rigore filologico si stempera nella passione e nella sperimentazione, e un ud di Aleppo può suonare nelle desolate lande della Cornovaglia, mentre un giro di basso decisamente pop accompagna un madrigale spagnolo cinquecentesco e un lamento d’amore berbero si affianca alle lotte indipendentiste irlandesi.

Un progetto all’insegna di una forte contaminazione. L’ascoltatore viene condotto in un viaggio a tappe che si delinea fin dalle prime note molto concreto e coinvolgente, che induce l’illusione che attraverso i diversi suoni arrivino a noi anche profumi e sapori lontanissimi tra loro e dai nostri abituali.
[Leonardo Mello, VeneziaMusica, aprile 2006]


sabato 16 dicembre
ore 21.00
Un viaggio sonoro tra oriente e occidente
Musiche medievali e non dall'antico mediterraneo
Un concerto di Galere di Fiandre e Siria

chitarra>Andrea Mozzato
voce>Maria Bergamo
contrabbasso>Sandro Caparelli
percussioni>Alessio Benetti



L'ingresso al concerto è consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Si prega, prima di accedere all'Area eventi, di ritirare il biglietto gratuito presso la biglietteria del Museo.