Archivio eventi

archivio eventi

Museo della musica su Tripadvisor 

convegni settembre-dicembre 2005



domenica 23 ottobre 2005
Sala eventi
Arte e musica nei conventi femminili

Soror mea, Sponsa mea

Arte e musica nei conventi femminili a Bologna e in Italia tra Cinquecento e Seicento
Convegno internazionale di studi promosso da Unasp ACli Bologna
Coordinamento: Gaia Varon (Università IulM - Milano)

ore 10.00-13.00
Introduzione
Gaia Varon
Eseguire la musica delle monache: un approccio pratico alle problematiche della clausura
Candace Smith (cantante e musicologa)
L'incanto del canto
Adriana Cavarero (Università di Verona)
Sul filo della musica
Francesca Rigotti (Università della Svizzera italiana - Lugano)

ore 15.00-18.00
Visita guidata al Museo internazionale e biblioteca della musica
a cura di Enrico Tabellini
Immagini di monache musiciste
Mariagrazia Carlone (musicologa)
Sonet vox tua in auribus cordis mei: discografia della musica composta da monache tra Cinque e Seicento
Chiara Sirk (critico musicale)



L'ingresso al convegno e alla mostra In-audita musica è gratuito e consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Si prega, prima di accedere all'Area eventi, di ritirare il biglietto gratuito presso la biglietteria del Museo.



martedì 13 dicembre 2005
Sala eventi
Il marchio Bologna

Il marchio Bologna

Il rapporto impresa cultura nella realtà economica bolognese
Convegno internazionale di studi promosso da Nomisma

Il 76% delle imprese bolognesi considera la cultura un fattore produttivo; il 65,8% pensa che l’attività creativa definisca procedure di innovazione trasferibili anche su settori apparentemente “non creativi”; il 10,5% sostiene che un’articolata presenza di attività culturali e artistiche “aumenta la varietà di output della produzione a livello territoriale”. Lo rivela Nomisma in una ricerca che viene presentata martedì 13 dicembre, a un seminario al Museo Internazionale della Musica a partire dalle 10.00: una giornata dedicata alla riflessione scientifica, ma in cui non mancheranno intermezzi musicali cantati dal Felicia Bongiovanni, direttore artistico del progetto.
Si tratta del secondo appuntamento del progetto Il Marchio Bologna come elemento strategico di sviluppo delle imprese del territorio, un’occasione di confronto e scambi di idee, di ricerche e ipotesi sul rapporto impresa e cultura, in una fusione tra cultura, arte, dibattiti e interventi di esperti.

ore 10.00-13.00
Nomisma: per le imprese bolognesi la cultura è un fattore produttivo
sessione presieduta da Renzo Costi (docente Università di Bologna)
>Riccardo Deserti (amministratore delegato di Nomisma)
>Felicia Bongiovanni (direttore artistico del progetto)
Il rapporto cultura- impresa: effetti socio economici nella città di Bologna
>Barbara Da Rin (coordinatore Area Servizi Pubblici e Cultura Nomisma)
Problemi e prospettive nel rapporto fra istituzioni culturali e imprese
>Lamberto Trezzini (docente Dams)
Profili e strumenti giuridici di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale d’impresa
>Elisabetta Righini (docente Università di Urbino)
Il ruolo della cultura nella gestione d’impresa: l’esperienza del teatro d’impresa
>Paolo Vergnani (docente Università di Ferrara)
Il fund raising nel settore culturale: opportunità per le imprese
>Cecilia Conti (project manager di Goodwill)


ore 15.00-18.00
Il rapporto cultura-impresa nel contesto territoriale bolognese: esperienze, opinioni e proposte delle istituzioni economiche e culturali
tavola rotonda condotta da Angelo Varni (Comitato Scientifico di Nomisma)
con Cristiana Morigi Govi (Direttore settore cultura e università - Comune di Bologna), Marco Pancaldi (Presidente Coldiretti), Paolo Cacchioli (Direttore Arena del Sole), Giacomo Varone (Teatro Comunale), Lucio D’Amelio (direttore Teatro Testoni Ragazzi), Patrizia Malferrari (Direttore Controllo e Pianificazione Marketing BolognaFiere), Luigi Grandi (Confartigianato artistico Bologna - ASCOM).



L'ingresso al convegno è gratuito e consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Si prega, prima di accedere all'Area eventi, di ritirare il biglietto gratuito presso la biglietteria del Museo.