Archivio eventi

archivio eventi

Museo della musica su Tripadvisor 

incontri settembre-dicembre 2007



4-25 novembre 2007
Sala eventi
Donna non vidi mai - Speciale Callas

Donna non vidi mai - Speciale Callas

aspettando la mostra Callas sempre Callas (5 dicembre 2006-27 gennaio 2007)
quattro conversazioni musicali a cura di Piero Mioli
a cura di
Logo Museo musica

“Donna non vidi mai simile a questa” canta il cavaliere Des Grieux nella Manon Lescaut di Puccini; e lei ha cantato, ha impersonato, è stata anche Manon Lescaut. Ma per novantadue volte ha interpretato la temibile Norma di Bellini, talora in studio e il resto, e quanto onerosamente, in palcoscenico. Basta, un tal numero, a dare autorità a un artista lirico? Basterebbe, ma nel caso del personaggio e della voce in questione c’è dell’altro: intanto Norma è una creazione che, risalendo al 1831 ed essendo rimasta in repertorio, nel tempo si era alterata alquanto, prendendo a somigliare più a un’animosa Santuzza o Turandot che a un romantico personaggio belliniano; e poi la voce di cui si parla, oltre a cantar Norma e Bellini, Rossini e Donizetti, la Sonnambula e Lucia di Lammermoor, ha cantato Alceste, Ifigenia, Costanza, Giulia, Abigaille, Lady Macbeth, Isotta, Brunilde, Kundry, molto Verdi, molto Puccini. Com’è possibile? Se la voce, la persona, la professionista e l’artista è Maria Callas è stato possibile, e senza dubbio solo a lei e prima e dopo. Ecco perché, a trent’anni dalla scomparsa prematura, il Museo della Musica di Bologna intende ricordare questa figura: indimenticabile e di fatto indimenticata, ma talmente grande e significativa da suggerire sempre indagini, approfondimenti, confronti, di parola e d’ascolto.
I quattro incontri programmati, che rientrano nell’ormai collaudata serie di ”Donna non vidi mai”, intendono perlustrare tutta la fitta, sorprendente, anche chiacchierata carriera dell’artista, se possibile stagione per stagione, personaggio per personaggio, disco per disco, collega per collega.“Donna non vidi mai simile a questa” canta il cavaliere Des Grieux nella Manon Lescaut di Puccini; e lei ha cantato, ha impersonato, è stata anche Manon Lescaut. Ma per novantadue volte ha interpretato la temibile Norma di Bellini, talora in studio e il resto, e quanto onerosamente, in palcoscenico. Basta, un tal numero, a dare autorità a un artista lirico? Basterebbe, ma nel caso del personaggio e della voce in questione c’è dell’altro: intanto Norma è una creazione che, risalendo al 1831 ed essendo rimasta in repertorio, nel tempo si era alterata alquanto, prendendo a somigliare più a un’animosa Santuzza o Turandot che a un romantico personaggio belliniano; e poi la voce di cui si parla, oltre a cantar Norma e Bellini, Rossini e Donizetti, la Sonnambula e Lucia di Lammermoor, ha cantato Alceste, Ifigenia, Costanza, Giulia, Abigaille, Lady Macbeth, Isotta, Brunilde, Kundry, molto Verdi, molto Puccini. Com’è possibile? Se la voce, la persona, la professionista e l’artista è Maria Callas è stato possibile, e senza dubbio solo a lei e prima e dopo.
Ecco perché, a trent’anni dalla scomparsa prematura, il Museo della Musica di Bologna intende ricordare questa figura: indimenticabile e di fatto indimenticata, ma talmente grande e significativa da suggerire sempre indagini, approfondimenti, confronti, di parola e d’ascolto. I quattro incontri programmati, che rientrano nell’ormai collaudata serie di ”Donna non vidi mai”, intendono perlustrare tutta la fitta, sorprendente, anche chiacchierata carriera dell’artista, se possibile stagione per stagione, personaggio per personaggio, disco per disco, collega per collega.


domenica 4 novembre
ore 10.30
Dagli esordi al "caso" Wagner-Bellini del 1949

domenica 11 novembre
ore 10.30
Dal 1949 alla Vestale del 1954

domenica 18 novembre
ore 10.30
Dalla Traviata del 1955 alle Pazzie celebri del 1958

domenica 25 novembre
ore 10.30
Dal concerto parigino del 1958 agli ultimi dischi e concerti


L'ingresso agli incontri di Fuori dalla Norma è consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Si prega, prima di accedere all'Area eventi, di ritirare il biglietto gratuito presso la biglietteria del Museo.


logo didattica
Le attività del ciclo Fuori dalla Norma
sono realizzate grazie al generoso contributo della
Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna


 

mercoledì 7 novembre 2007
Sala eventi
Logo Fondazione FranceschiniLogo Dipartimento Musica e Spettacolo Bologna

Le regole della musica

presentazione della collana di trattati medievali di teoria musicale
in versione italiana commentata con originale a fronte
in collaborazione con
Logo Saggiatore Musicale


mercoledì 7 novembre
ore 17.30
Presentazione dei volumi>
GUIDO D'AREZZO - Le opere
a cura di>Angelo Rusconi
MARCHETTO DA PADOVA - Lucidarium - Pomerium
a cura di>Marco Della Sciucca, Tiziana Sucato e Carla Vivarelli
FRANCHINO GAFFURIO - Theorica musice
a cura di>Ilde Illuminati e Cesarino Ruini
con un saggio di>Fabio Bellissima

con gli interventi di
>Maria Luisa Zanoncelli (Università di Torino)
>Giorgio Stabile
(Università La Sapienza di Roma)
>Claudio Leonardi
(Fondazione Ezio Franceschini ONLUS)

Collana Le regole della musica
diretta da Cesarino Ruini
edita da Edizioni del Galluzzo per la Fondazione "Ezio Franceschini" - Firenze

a seguire
Musicabili numeri
conferenza-concerto del maestro Pedro Memelsdorff


L'ingresso all'incontro è consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Saranno presenti all'incontri i curatori dei tre volumi.
Si prega, prima di accedere all'Area eventi, di ritirare il biglietto gratuito presso la biglietteria del Museo.

Per informazioni e contatti>
www.sismel.it




martedì 16 ottobre 2007
Sala eventi

Afghanistan tra guerra e pace

incontro con Malalai Joya
a cura di Le case degli angeli di Daniele

Nell’ambito del progetto Le formiche della Pace l’Associazione onlus Le Case degli Angeli di Daniele, in collaborazione con il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna, vi invita all'incontro con Malalai Joya, membro del Parlamento Afghano e con l'inviato speciale RAI Tiziana Ferrario sulla realtà di un Paese, l’Afghanistan, che sta faticosamente cercando la sua strada verso una democrazia autentica dove anche le donne, sottostimate da una cultura tribale fondamentalista, si vedano finalmente riconosciuti pari diritti e pari dignità.
Concluderà la serata la performance Notturni afghani-Terra d’acqua e di pietre, di e con Saida Puppoli.


martedì 16 ottobre
ore 20.45
Serata d'onore con Malalai Joya e Tiziana Ferrario
Conferimento del premio “Daniele - Case degli Angeli” - Prima Edizione
alla presenza di>
Monica Donini (presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna)
Beatrice Draghetti (presidente della Provincia di Bologna)
Benedetto Zacchiroli (responsabile per le Relazioni Internazionali del Comune di Bologna)
conduce>Alessandra Sestito (giornalista)

a seguire
Notturni afghani-Terra d’acqua e di pietre
performance di e con Saida Puppoli


L'ingresso all'incontro è consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Si prega, prima di accedere all'Area eventi, di ritirare il biglietto gratuito presso la biglietteria del Museo.

Per informazioni e contatti>
Le case degli angeli di Daniele
tel e fax>051-975690
mail>fortupo@tin.it
www.lecasedidaniele.org/

Sito ufficiale>
www.paceediritti.it



mercoledì 19 settembre 2007
Sala eventi

Il Nuovo L'Antico

incontro con Salvatore Sciarrino
a cura di Bologna Festival

Il ciclo autunnale di Bologna Festival Il Nuovo L'Antico, quest'anno dedica la sua sezione contemporanea a Salvatore Sciarrino.
Il progetto prevede l'esecuzione di alcune delle opere più significative del compositore palermitano: Vanitas, Muro d'orizzonte, Il silenzio degli oracoli, Come vengono prodotti gli incantesimi?, Trio n. 2 per violino, violoncello e pianoforte e il recente Quaderno di strada per baritono e complesso da camera, un "taccuino di viaggio" che registra frammenti poetici, graffiti e lacerti realistici. "È un ritratto di uno dei compositori contemporanei più significativi - sottolinea Mario Messinis, direttore artistico di Bologna Festival - in cui il radicalismo della ricerca timbrica, della drammaturgia del silenzio e della ideazione surreale non cela la reviviscenza della storia".
Inaugura il ciclo di appuntamenti dedicato ai sessant'anni di Sciarrino, un incontro con il compositore stesso al Museo della Musica mercoledì 19 settembre alle ore 18.00.


mercoledì 19 settembre
ore 18.00
Incontro con Salvatore Sciarrino
>a cura di Giovanni Morelli (ordinario di Storia della Musica - Università Ca' Foscari di Venezia e direttore dell'Istituto per la Musica della Fondazione Cini di Venezia)

L'ingresso all'incontro de Il Nuovo L'Antico è consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Si prega, prima di accedere all'Area eventi, di ritirare il biglietto gratuito presso la biglietteria del Museo.

Per informazioni e contatti>
Bologna Festival
via delle Lame 58 - 40122 Bologna
tel>051 6493397 / 051 6493245
fax>051 5280098
info@bolognafestival.it

Sito ufficiale>
www.bolognafestival.it